mppu international

twitterfacebook

La cortina di ferro tra Grecia e Macedonia del Nord si è spezzata prima con una firma e poi con un selfie. Se l'accordo di Prespo ha risolto la questione del nome, la storica visita di Tsipras a Skopje apre una nuova era di collaborazione tra i due Paesi, che vuole diventare un volano per tutti i Balcani. Questo martedì per la prima volta un premier greco ha messo piede a Skopje per una visita storica.

"Stiamo provando a convincere anche quelli che avevano delle riserve sull'accordo - dice il premier macedone Zoran Zaev - perché l'accordo porta all'amicizia e una collaborazione strategica tra i due Paesi. E i cittadini della Grecia devono sapere che ce la stiamo mettendo tutta per implementare quell'accordo".

"Investiamo nel futuro, facciamo la storia, non restiamo imprigionati nel passato - dice in conferenza stampa il premier greco Alexis Tsipras - E sono convinto che quest'accordo storico ha solide basi, che sono visibili a tutti. Anche a quelli che non erano d'accordo"

Con il riconoscimento della Macedonia del Nord, per la piccola Repubblica si è aperta la strada anche per la Nato e l'Unione europea.

condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
 

To follow us, just find

  Europe time to dialogue

on Facebook

Pubblicazioni

Disarmo

 co governance

17-20 GENNAIO 2019

Castel Gandolfo

Roma - Italia

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.